Condoni Edilizi

condono edilizio

Il condono consente di sanare opere edilizie realizzate anche in deroga dalle norme urbanistiche. . Al fine di avviare una pratica di condono edilizio, bisognerà, prima di tutto, autodenunciarsi, dichiarando di possedere un fabbricato abusivo, o costruito e ampliato non rispettando le leggi vigenti, in cui, però, si ha l'intenzione di sanare ogni vizio ed irregolarità.

 

Tenendo presente che i vari condoni hanno avuto caratteristiche differenti, possiamo dire che, di volta in volta, a seconda dei casi, è stato possibile sanare anche, ad esempio, costruzioni realizzate in zone non edificabili, o che superavano i limiti volumetrici fissati dalle norme.

 

Rivolgendosi allo studio tecnico occorrerà preparare un progetto del fabbricato abusivo, in modo da far valutare, correttamente, il tutto agli enti che si occuperanno della relativa domanda di condono. Tramite il progetto ed altri documenti che saranno richiesti in seguito, verrà fatto un calcolo per stabilire quanto si dovrà pagare per il condono richiesto nel caso in cui viene ammesso.

 

Lo studio esegue pratiche per il condono edilizio per regolarizzare l’immobile ci occupiamo di:

  • REGOLARIZZAZIONE CATASTALE,
  • REGOLARIZZAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA,
  • AGGIORNAMENTO PLANIMETRIA CATASTALE,
  • VARIAZIONE CATASTALE,
  • CIAL IN SANATORIA,
  • PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA,
  • DIA IN SANATORIA,
  • DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' CATASTALE,
  • RISANAMENTO EDILIZIO E CATASTALE.
Share by: